100% PDL E 100% CORAGGIO: PRIMARIE, PREFERENZE E PARTITO DEGLI ONESTI

di Ulderico de Laurentiis – Ci risiamo! Ogni volta che Giorgia Meloni rompe il silenzioso, ma letale schema del “partito non partito” in cui è da troppo tempo imbrigliato il Popolo della Libertà, si attivano all’istante i falsi profeti della scissione a destra e del ritorno ad Alleanza Nazionale. A pensarci bene è davvero buffo che certa stampa  pubblichi pezzi come quello di quest’oggi su Libero, che titola: “La Russa e Gasparri litigano sulla nuova An. Li mette d’accordo la Meloni . L’articolo lascia intendere che ci sia un’agenda, un ordine del giorno malcelato, un movimento di idee e di grandi manovre che portino ben presto alla spaccatura del PDL, per rifondare a destra quello che altro non era che un partito di transizione, non un punto d’arrivo, ma un punto di partenza che al PDL appunto doveva portare.

Fosse vero, sarebbe un clamoroso nonsense, una strada senza uscite, una minestra riscaldata e indigesta. Meglio rifondare il Movimento Sociale Italiano a quel punto; ma chiediamoci cosa sta facendo la Meloni per far scrivere di fantapolitica  alla stampa “amica”.  In effetti l’ex Presidente nazionale della Giovane Italia e Ministro della Gioventù non fa altro che perseverare nel chiedere che si stabilisca il principio delle primarie a tutti i livelli, anche per la premiership; che si ritorni al sistema delle preferenze per restituire al popolo italiano la facoltà ed il diritto di scegliere i propri parlamentari; che si “caccino a calci nei denti”  dal partito i responsabili di “mariuolerie” protagonisti delle tristi vicende degli ultimi giorni. In buona sostanza la parlamentare pidiellina, come nell’ultima occasione davanti alla platea di Atreju, sta avendo il coraggio che molti altri non hanno: chiede democrazia, partecipazione e partito degli onesti, ma  alcuni giornalisti che fanno? Gridano alla scissione a destra.

Ridicolo! E’ come dire che le regole, la partecipazione e la questione morale non potranno mai albergare nel Popolo della Libertà, pena l’inevitabile scissione. Inquietante e pericoloso addirittura che ogni qual volta si parli di primarie ci sia chi anche all’interno del partito stesso si lamenti di lesa maestà nei confronti del Presidente Berlusconi. Interpretare negativamente le spinte di cambiamento che il nostro popolo ci chiede, significa commettere l’errore e assumersi la pesante responsabilità di dividere il Popolo della Libertà  in berlusconiani ed anti-berlusconiani; una divisione che non dovrebbe esistere perchè un partito serio si divide sulle idee e non sulle persone.

La lettura corretta dovrebbe essere che ad oggi siamo ad un punto di svolta obbligata e non davanti ad un’operazione scissionista. Se Storace “candida” la Meloni alla guida del paese non è chiedendole di fondare un nuovo o vecchio partito, ma perchè si sente ovunque e anche nel centrodestra, l’esigenza di idee forti e di ricambio generazionale e Giorgia interpreta molto bene entrambi gli aspetti.  Non continuiamo a nasconderci dietro un dito: è finalmente giunto il momento di scegliere se avere coraggio e tornare a parlare all’Italia di temi e contenuti importanti, dando dimostrazione di essere un partito maturo e responsabile che fa scendere in campo le donne e gli uomini giusti o se mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi ed attendere l’unto del signore di turno (Renzi? siamo seri per favore) che venga a salvarci, col rischio però, che questa scomoda posizione trasformi il nostro deretano in un vistoso ed invitante bersaglio per il sonoro calcione che rischiamo da parte dell’elettorato. Noi scegliamo il coraggio!

Ulderico de Laurentiis

Ulderico de Laurentiis

Giornalista, Laurea in Comunicazione Istituzionale e di Impresa e tesi su "Il Roma come quotidiano della destra napoletana e campana".Un Master e una passione ancora acerba per l'Enogastronomia. Webmaster di Meridiana Magazine e blogger, cresciuto a pane e militanza politica. Per aspera ad astra!
Ulderico de Laurentiis
About the Author
Ulderico de Laurentiis

Giornalista, Laurea in Comunicazione Istituzionale e di Impresa e tesi su "Il Roma come quotidiano della destra napoletana e campana". Un Master e una passione ancora acerba per l'Enogastronomia. Webmaster di Meridiana Magazine e blogger, cresciuto a pane e militanza politica. Per aspera ad astra!

2 Comments on this article. Feel free to join this conversation.

  1. Ruggero Martina S 14 ottobre 2012 alle 06:02 -

    il partito degli onesti………e le leggi dei vitalizzi legalizzati? Un Esempio? Fiorito? 450.000 mila euro l'anno………………………………

    View Comment
  2. Lorenzo Piccolo 14 ottobre 2012 alle 15:46 -

    il primo cittadino di questo partito è il più onesto SILVIO BERLUSCONI!

    View Comment

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.