MARO’, SI DIMETTE IL MINISTRO TERZI: INASCOLTATO DAL GOVERNO

“Mi dimetto perche’ le mie decisioni non hanno avuto alcun effetto e sono stato inascoltato dal Governo riguardo al rientro dei due maro’ in India”. Cosi’, il ministro degli Esteri Giulio Terzi, riferendo alla Camera gli sviluppiTerzi2 del caso dei due fucilieri italiani, ha annunciato le proprie dimissioni dall’esecutivo.

“Da ministro degli Esteri – ha spiegato Terzi rivolgendosi all’aula – avevo posto serie riserve alla repentina decisione di far tornare in India i due fucilieri di Marina, ma la mia voce e’ rimasta inascoltata. Per questo mi dimetto – ha proseguito il titolare della Farnesina -, perche’ le mie decisioni non hanno avuto alcun effetto e perche’ sono solidale ai due maro’ e alle loro famiglie e, per ultimo, perche’ ritengo oggi, come ritengo da 40 anni, che debba essere salvaguardata sempre l’onorabilita’ del nostro Paese, delle forze armate e della diplomazia italiana”.

Deputati del Pdl e di Fratelli d’Italia in piedi ad applaudire dopo l’annuncio delle dimissioni del ministro degli Esteri Giulio Terzi, dato al termine dell’informativa sul caso dei fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Applausi anche dai banchi del Movimento 5 Stelle, silenzio in quelli del centrosinistra.

Il capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta, ha quindi chiesto la sospensione della seduta, mentre Ignazio La Russa, di Fratelli d’Italia, ha chiesto l’intervento in aula del presidente del Consiglio Mario Monti, posizioni alle quali si e’ associato anche uil capogruppo della Lega Giancarlo Giorgetti. Per la prosecuzione del dibattito si sono espressi il capogruppo di Sel, Gennaro Migliore, Rocco Buttiglione di Scelta Civica, e Lapo Pistelli del Pd.

Il presidente Monti vuole verificare nel pomeriggio con il Capo dello Stato, ci sono le consultazioni, ed e’ disponibile a venire domani” a riferire sui maro’. Lo dice in aula il presidente della Camera, Laura Boldrini, annunciando la convocazione di una capigruppo.

“Il ministro degli Esteri si e’ dimesso, quello della Difesa si e’ scusato, speriamo che Monti sia assolutamente chiaro perche’ il fallimento della sedicente credibilita’ internazionale e’ sotto gli occhi di tutti. Apprezziamo il gesto coraggioso e dignitoso del ministro Terzi”. Lo afferma il segretario del Pdl, Angelino Alfano, parlando con i cronisti in Transatlantico del caso Marò.

Redazione

Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine
Redazione
About the Author
Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.