IL MIRACOLO TRAPANI CHE VA IN B E ORA ATTENDE IL DERBY COL PALERMO

imagedi Chris Grasso – Non è un caso se la retrocessione in B del Palermo giunge il medesimo giorno delle storica promozione fra i cadetti del Trapani. Il diverso volto della stessa medaglia; gli errori, le mancanza di programmazione, la confusione da una parte, la progettazione, le scelte sagge, la pazienza dall’altra. A pochi kilometri di distanza una provincia si dispera l’altra è ubriaca di gioia, una gioia che lascerà il segno per generazioni.

Il piccolo Trapani d Boscaglia ha compiuto il miracolo, ha costretto il Lecce di Pià, Chevanton, Jeda, Giacomazzi a passare dai play – off che l’anno scorso furono fatali ai granata schiantati da un super Lanciano. La promozione è arrivata al quarto tentativo, dopo i fallimenti negli anni ’50 e ’90 e il suicidio di una stagione fa, quando 11 punti di vantaggio sullo Spezia vennero dilapidati come se nulla fosse.

A Cremoma si completa un percorso breve, ma a tappe forzate partito dai campo regionali del torneo di Eccellenza e concluso con il trionfo dello Zini. Li nella patria di Tentoni ai tempi della Serie A con i grigio – rossi protagonisti è iniziata una festa che durerà tutta l’estate in attesa dello storico derby col Palermo.

Eppure Trapani nel calcio è passata da momenti difficili, da cocenti sconfitte, brutte retrocessioni e amari fallimenti. Si è trovata la forza di ricominciare sognando quegli obiettivi mancati per poco, pochissimo. La Sicilia oggi quindi festeggia le imprese del Catania e lo storico trionfo granata, augurandosi che il Palermo risorga dalle ceneri, che il Messina prosegua nella rimonta alle categorie più importanti appena iniziata e che altre società gloriose trovino il modo per riprendersi quello che errori, lestofanti e avventurieri le hanno rubato.

Auguri al Trapani, auguri alla Sicilia.

Redazione

Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine
Redazione
Gli utenti che hanno trovato questa pagina cercavano anche:
  • il miracolo trapani
About the Author
Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.