CRISI DI GOVERNO: ECCO I PRIMI GRILLINI CHE APRONO AL PD

andrea-cecconi-movimento-5-stelle-2

Un governo con premier e ministri-cittadini, fatto da “esponenti della societa’ civile capaci e competenti per il ruolo che dovranno svolgere, su poche priorita’ programmatiche che caratterizzano la nostra azione e sulle quali altre forze politiche possono convergere”.

E’ la proposta-choc che il deputato del M5S Andrea Cecconi lancia nell’intervista a Intelligonews – quotidiano on line diretto da Fabio Torriero – guardando al dopo, agli scenari che si potrebbero materializzare se domani il Pdl e Berlusconi dovessero decidere di staccare la spina al governo Letta. Consiste nello schema di un esecutivo “fatto da persone della societa’ civile competenti e capaci per il ruolo che dovranno svolgere. Stabiliamo una piattaforma di pochi punti con priorita’ che noi portiamo avanti: dal no agli F35, al no alla Tav, a riforme costituzionali secondo l’articoli 138 della Carta”. Unica possibile concessione e’ il profilo “del premier che puo’ essere frutto di mediazione tra forze politiche, dal momento che non abbiamo la maggioranza per governare da soli. Ma sui ministri non si discute”.

Sarebbero 20 i parlamentari M5S pronti a votare per una nuova maggioranza: lo ribadisce Sonia Alfano, citando Renato Brunetta e smentendo il senatore Mario Michele Giarrusso. “Secondo il capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta, al Senato ci sarebbero certamente circa 20 esponenti del M5S pronti a fuoriuscire dal gruppo per costruire una nuova maggioranza con PD e SeL. Pare si conoscano anche i nomi” afferma la senatrice in un Post su Fb. “Di fatto – continua – Brunetta conferma quanto da me dichiarato in tempi non sospetti e che mi e’ costato gli attacchi del Senatore del M5S Mario Giarrusso, il quale recentemente mi aveva definita in preda ad una’ tardiva insolazione’. Da cosa sarebbe stato colpito in questo caso Brunetta, da insolazione postuma? La solerzia usata dal senatore Giarrusso nello smentire quanto di fatto stava gia’ accadendo sotto i suoi occhi induce in me l’amletico dilemma: o non ha contezza di quanto accade in casa sua, oppure – conclude – piu’ che figlie di amore per la verita’ e trasparenza, le sue dichiarazioni appaiono in sintonia con logiche tese a tutelare trattative gia’ in atto”.

Gli utenti che hanno trovato questa pagina cercavano anche:
  • www.meridianamagazine.org+crisi-di-governo-ecco-i-primi-grillini-che-aprono-al-pd
About the Author
Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.