CATANOSO: CONGRESSO PDL, CONTRO DERIVA NEOCENTRISTA

maxresdefault (2)

“Mi unisco con convinzione all’appello del senatore Altero Matteoli, volto ad assicurare che il Popolo della Libertà resti unito nel perseguire le finalità di contenitore unitario di centrodestra, rappresentativo di tutte le sue anime e rispettoso delle storie politiche di coloro i quali lo compongono.
Gli avvenimenti degli ultimi giorni hanno finalmente chiarito un concetto importante: il partito non può essere, ne’ a livello centrale ne’ su base territoriale, una entità priva di struttura, affidata alla libera iniziativa, disorganizzata e pericolosa. Serve una scossa, a tutti i livelli, perché l’unità si rafforzi nel dialogo, nel confronto e in un nuovo patto fondativo nel centrodestra. Appare logico e necessario che questo dibattito venga opportunamente canalizzato e finalizzato al raggiungimento di una sintesi politica, obiettivo questo, conseguibile solo grazie a quello strumento naturale che è il Congresso Nazionale”. “Il PdL, ha concluso Catanoso, o è il contenitore di tutte le anime, da quella liberale e cattolica a quella nazionale identitaria della Destra, oppure precipiterà definitivamente nel tentativo di dare vita all’ennesima rifondazione neodemocristiana, quanto di più lontano esista dalla sensibilità bipolarista dell’elettorato italiano e già più volte “bastonata” dagli elettori fino a percentuali da prefisso telefonico; quanto di più lontano, per quanto mi riguarda, anche dalla mia storia e da quella di tanti altri, che ho deciso di mettere in gioco solo per rafforzarne i contenuti e le aspirazioni in una grande formazione che raccogliesse e valorizzasse in un progetto unitario tutte le anime e le sensibilità. A quel partito vorrei ancora guardare, solo che ce ne sia ancora la voglia e lo spirito, altrimenti ognuno farà la propria strada”.

About the Author
Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.