CRIMEA: LE FORZE RUSSE STANNO ASSUMENDO IL CONTROLLO DI AEROPORTI E BASI

Un MI-26 russo: elicottero da trasporto truppe e mezzi blindati

Un MI-26 russo: elicottero da trasporto truppe e mezzi blindati

[adsenseyu1]

di Angela Mattoni – La Russia ”non potra’ non essere coinvolta e fara’ ricorso a qualsiasi misura necessaria, nel rispetto del diritto internazionale, qualora ci sara’ una qualsiasi forma di escalation di violenze contro la popolazione russofona delle regioni orientali dell’Ucraina e della Crimea”. Lo ha spiegato il presidente Vladimir Putin al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, con cui ha parlato al telefono, come rende noto un comunicato del Cremlino, . Entrambe le parti ”hanno sottolineato la necessita’ di prevenire una ulteriore escalation della crisi in Ucraina”, conclude il comunicato. Putin ha parlato al telefono anche con il presidente francese Fancois Hollande, su iniziativa di quest’ultimo, a cui ha parlato della sua valutazione della situazione in Ucraina sottolineando che ”vi e’ una minaccia reale per le vite dei cittadini russi e dei nostri compatrioti”. I due presidenti hanno poi scambiato le loro opinioni sui modi possibili per risolvere la situazione in Ucraina e hanno concordato di proseguire i loro contatti, precisa il Cremlino.

il comandante russo dell'operazione in Crimea e' il colonnello generale Aleksandr Galkin, a capo del Distretto militare meridionale.

Nella foto il comandante russo dell’operazione in Crimea: il colonnello generale Aleksandr Galkin, a capo del Distretto militare meridionale.

Nella notte sono atterrati in Crimea  sette aerei militari russi per il trasporto delle truppe e 11 elicotteri. Lo riferisce il ministro della Difesa ucraino, Igor Teniukh, aggiungendo che il comandante russo dell’operazione in Crimea e’ il colonnello generale Aleksandr Galkin, a capo del Distretto militare meridionale. Secondo Interfax i militari dei reparti dell’esercito ucraino dislocati in Crimea passano in massa dalla parte delle autorita’ locali filorusse. Molte caserme sono state abbandonate insieme agli arsenali, quest’ultimi presi in consegna dalle forze di autodifesa della Crimea. I militari che non si affidano alle autorita’ locali presentano le loro dimissioni.

Inoltre convogli di mezzi russi con a bordo un centinaio di militari hanno raggiungo Sebastopoli da Simferopol. I Militari russi sono entrati in possesso di equipaggiamenti e armamenti dalla base radar ucraina di Sudak e di una base per l’addestramento della marina a Sebastopoli. Il ‘vice premier’ della Crimea Rustam Temirgaliev assicura che numerosi militari ucraini di base in Crimea hanno gia’ disertato lasciando le loro armi d’ordinanza a disposizione delle forze di autodifesa, e che altri sono stati disarmati. ”Le forze di autodifesa hanno assunto il controllo di tutti gli aeroporti e basi aeree della Crimea”, ha aggiunto.

About the Author

La Redazione di Meridiana Web Magazine

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.