IL NAZARENO REGGE: ACCELERAZIONE SULLE RIFORME CON PD E FI IN SUBBUGLIO

berlusconi-renzi-profilo-672
Il richiamo del Colle: mercoledì alle ore 14, Napolitano ha ricevuto Matteo Renzi e Maria Elena Boschi Ministro delle Riforme, per delineare un quadro più dettagliato sulle riforme e dare rassicurazioni sulla morte naturale della Legislatura (2018). Il colloquio è durato un ‘ora e l’ufficio stampa della Presidenza della Repubblica ha rilasciato una nota: “È stato ampiamente esposto il percorso che il governo considera possibile e condivisibile con un ampio arco di forze politiche per quello che riguarda l’iter parlamentare dei due provvedimenti fondamentali già a uno stato avanzato di esame – legge elettorale e legge costituzionale per la riforma del bicameralismo paritario – i quali sono incardinati per la seconda lettura. Un percorso che tiene conto di preoccupazioni delle diverse forze politiche, soprattutto per quanto riguarda il rapporto tra legislazione elettorale e riforme costituzionali”. La linea non cambia dunque, le riforme si faranno insieme all’opposizione, ma aprendo la porta a chiunque sia interessato al progetto Renzi-Boschi. 
Il Patto regge: Renzi ha rasserenato gli “alleati per le riforme” al tg1: “Siamo a un passo sulla chiusura: se riusciremo a farle, se il Parlamento lavorerà, arriveremo alla fine della legislatura – con noi hanno fatto un accordo sulle regole del gioco: in casa loro scelgono chi vogliono come leader”
L’ idillio con Berlusconi rimane. Il patto non si tocca. Avanti tutta! 
Intanto, il Presidente della Camera Laura Boldrini ha mediato tra le parti sulla data per l’approdo delle riforme costituzionali alla camera dei deputati. Il PD avrebbe più volte chiesto che il testo arrivasse in aula per il 10 dicembre, mentre l’opposizione preferiva l’approdo per gennaio. La data ufficializzata sarà il 16 dicembre . M5S fa sapere che Forza Italia si è astenuta nel decidere.
A tal proposito,  il senatore Romani, capogruppo di Forza italia, è intervenuto affermando: “ma perché Renzi pone sempre un problema di tempi, invece che di contenuti? Così cresce il sospetto che voglia portarci a votare“,  continua: “Io non vedo le condizioni per chiudere così in fretta, viste le posizioni così variegate in campo – da Forza Italia ci sarà la massima collaborazione per un testo condiviso, ma non può essere un problema di tempi” incalza, dicendo :”Il patto del Nazareno è anche sulle riforme costituzionali. Non vorrei che il premier preferisse scorciatoie“.  
La pace dura poco?! C’è comunque fermento in casa PD e FI, con il Presidente della segreteria Orfini che ha affermato che la minoranza all’interno del Pd soffre di manie di protagonismo,  scatenando un malessere da scissione. Sarà davvero così?! Staremo a vedere. Ma anche le cose in forza Italia certo non sono serene, Fitto ha dichiarato : “Non esco dal partito, ma chiedo rispetto, le battaglie si fanno dall’interno –  primarie per tutti”.
Intanto la certezza che il Patto del Nazareno regge, conferma che il dominus è ancora Berlusconi.

Feliciana Gammella

Feliciana Gammella

Giurista in formazione, passionaria nella vita. Classe 1988
Feliciana Gammella

Latest posts by Feliciana Gammella (see all)

About the Author
Feliciana Gammella

Giurista in formazione, passionaria nella vita. Classe 1988

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.