Rifiuti: la Sicilia dica basta alle discariche senza regole

Condivido in toto la nota del gruppo regionale di Forza Italia sull’emergenza rifiuti in Sicilia.

Bisogna fare in fretta, anche perché l’immobilismo e l’assoluta mancanza di programmazione rischiano di arrecare danni a porzioni significative di territorio, con proroghe dettate dall’emergenza e non da una valutazione seria e attenta dell’impatto di alcune discariche sulla salute dei cittadini e sull’ambiente.

La Contraffatto, ma prima ancora Crocetta, avranno sulla coscienza, tanto per fare un esempio, le comunità di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia, sui cui territori insiste la discarica di Valanghe d’Inverno, al cui interno si versano tonnellate e tonnellate di rifiuti, nonostante le condizioni igienico-sanitarie ed idrogeologiche siano tutt’altro che “trasparenti”, considerato il fetore insopportabile che raggiunge i centri delle due cittadine.

Crocetta fa come Ponzio Pilato, con la complicità di qualche amministratore come il Sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo, autorevole esponente del partito Democratico, che si improvvisa “rivoluzionario“, dopo aver sostenuto il Governo Crocetta e aver visto passare sotto il suo naso, da deputato regionale, tutte le scelte strategiche per i rifiuti, compresa l’apertura e l’autorizzazione per Valanghe d’Inverno: non mi pare che in quelle occasioni abbia fatto lo sciopero della fame o si sia autosospeso dal PD.

E il “supersindaco” dell’Area metropolitana – Enzo Bianco – cosa dice di questa vergogna siciliana dei rifiuti? Adesso i buoi sono scappati dalla stalla e non c’è più tempo per assistere alle lotte interne al PD sulla pelle dei cittadini: si affronti subito e in maniera strutturale la questione dei rifiuti e si diano risposte chiare, immediate e definitive ai cittadini stanchi di improvvisazione e pressapochismo.

About the Author
Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine