Diventare Guida Turistica: 10 cose che devi sapere per fare questo lavoro

La guida turistica è colui che, per professione, accompagna singole persone o gruppi a visitare opere d’arte, musei, gallerie, scavi archeologici, illustrandone le attrattive storiche, artistiche, monumentali, paesaggistiche e naturali. Uno dei requisiti fondamentali per esercitare questa professione è possedere una cultura di base e una buona capacità descrittiva.
Diversa è la figura dell’ accompagnatore turistico il quale fornisce assistenza ed informazioni di interesse turistico senza invadere però l’ambito di competenza della guida turistica.

La disciplina di questa professione è contenuta nel Decreto Ministeriale dell’11 dicembre 2015. Lo stesso Decreto prevede l’emanazione di un ulteriore provvedimento che individuerà i siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico per i quali occorrerà una specifica abilitazione che dovrà essere posseduta anche dai cittadini comunitari.  (ClicLavoro.Gov.it)

I requisiti minimi richiesti per accedere all’esame di abilitazione per l’esercizio della professione in questi siti sono:

  • Essere maggiorenni
  • Essere in possesso della qualifica professionale di guida turistica conseguita negli Stati membri dell’Unione Europea o di abilitazione all’esercizio della professione qualora lo Stato membro dell’Unione Europea di provenienza della guida preveda un’abilitazione per lo svolgimento della professione
  • Essere in possesso del diploma di laurea triennale.

Le sessioni di esame sono stabilite dalle regioni e dalle province autonome tramite appositi bandi pubblicati con cadenza biennale. Sarà bene, quindi, informarsi sul sito istituzionale della propria regione o provincia autonoma, dove spesso si trovano anche informazioni utili sullo svolgimento della professione.

Ecco allora “Il decalogo della guida turistica” redatto dal dott. Rosario Patti, esperto di Economia del Turismo e Guida turistica specializzata.

Una Guida turistica:

1) é una figura professionale altamente specializzata nella fruizione di itinerari turistici, ben approfonditi e logicizzati per dare ai turisti visitatori schemi di sintesi e contenuti d’insieme;
2) Ha studiato con attenzione i luoghi della visita;
3) non improvvisa nulla e ha già pianificato ex ante planning e modus operandi;
4) ha una spiccata capacità di problem solving che lo portano a risolvere i nascenti problemi, Just in time;
5) è radicato sul territorio e con esso opera in stretta collaborazione, sinergia e simbiosi;
6) ha una grande responsabilità nel far fruire gli itinerari in quanto, è dalla bontà del tour, che una località o destinazione verrà apprezzata o dimenticata;
7) vive di questo lavoro e di esso nutre le proprie passioni;
8) Ha regolarizzato la sua posizione acquisendo il titolo di “guida turistica” tramite l’acquisizione di un patentino che abilita alla professione a seguito del superamento di un esame regionale;
9) crede che il turismo possa nascere in qualsiasi posto e ne osserva il rispetto e ne parla con orgoglio;
10) vive delle sensazioni dei turisti e ad essa devolve tutta la sua conoscenza e sapere!

Il turismo non s’improvvisa,si pianifica!

Gli utenti che hanno trovato questa pagina cercavano anche:
  • come diventare guida turistica roma
  • requisiti pe diventare guida turistica roma 2017
  • guida turistica
About the Author
Redazione

La Redazione di Meridiana Web Magazine