ACIREALE,ANCORA UNA VITTORIA NEL FINALE

Vittoria importante per l’Acireale,i ragazzi guidati da Infantino battono una buona Igea Virtus Barcellona per 1 a 0 allo scadere e avanzano prepotentemente verso le zone alte della classifica.
L’Acireale,dopo una vittoria che mancava da 40 anni sul campo del Messina,a distanza di una settimana si appresta a giocare un altro derby contro un avversario tutt’altro che facile: l’Igea Virtus Barcellona,squadra in salute e ancora imbattuta,a caccia di punti pesanti per rimanere aggrappata alla zona playoff.
Infantino,senza Testardi a guidare l’attacco granata,schiera il solito 3-4-3 con Cocimano,Aloia e Barraco a guidare le ostilità,dall’altra parte Raffaele schiera per dieci undicesimi la formazione capace di sconfiggere il Portici e conferma quindi un 4-4-3 molto offensivo.
La partita inizia subito bene per i giallorossi che al 16’con un colpo di testa di kacorri sfiorano il vantaggio,è infatti il palo a dire di no all’esterno Igeano,capace di sfruttare al meglio la disattenzione della retroguardia granata. Non si fa attendere  la risposta dei padroni di casa che al 24′,in seguito ad un fallo di Ferrante ai danni di Sciannamè,si procurano un calcio di rigore,grande occasione dal dischetto per Barraco che tuttavia vede il suo tiro infrangersi sulle braccia di Ingrassia. Ci sarà spazio per un’ultima grande chance per Biondi ma Manes è bravissimo a salvare sulla linea,prima frazione che si conclude quindi con il risultato di 0-0 con due squadre che si sono affrontate a viso aperto ma che non sono state capaci di sbloccare il risultato.
Nella ripresa predominano nervosismo e stanchezza,le squadre lottano su ogni pallone e non riescono a trovare la via del gol,nè con un tiro da fuori di  Mercaj al 62′ nè pochi minuti più tardi con Cocimano,fermato da un Ingrassia sicuramente in giornata. Partita che sembra dunque essere destinata al pareggio fino a quando a pochi minuti dal termine la squadra ospite rimane in dieci in seguito all’espulsione di Ferrante,già ammonito,che entra in netto ritardo su Sciannamè. Punizione granata quindi affidata ai piedi del solito Barraco,che pennella un bellissimo pallone sulla testa di Di Maio che al 93’trova il gol vittoria per la gioia di un Tupparello gremito di tifosi. Al 95′ ci sarà spazio anche per il nuovo acquisto Sergio Almiron,alla prima in maglia granata,accolto tra gli applausi dei sostenitori granata. Squadra di casa che quindi si aggiudica il secondo derby consecutivo della sua stagione e guadagna 3 punti  molto pesanti in chiave playoff,raggiungendo quota 13 punti in classifica,scavalcando proprio l’Igea Virtus ferma a 12.

Igea Virtus: Ingrassia, Fontana, Dall’Oglio, Ferrante, Pitarresi, D’Antonio, Biondo G., Biondi, Kacorri, Fioretti, Merkaj.
A disposizione: D’Amico, Ciancimino, Vaccaro, Raia, Amabile, Cuzzilla, Santamaria, Aveni, Gatto.
Allenatore: Raffaele.

Acireale: Barbieri; Tumminelli, Di Maio, Manes; Sciannamè, Lo Nigro (86′ Gualdi), Palermo, Lombardo (56′ Pannitteri); Cocimano (76′ Scappellato), Aloia (55′ Lordi), Barraco (95′ Almiron). A disp.: Scapolo, Albertini, Dadone, Trippa. Allenatore: Infantino.

About the Author